You are here:Home>Benessere>Alimentazione>Alliaria: raccogli, cucina e gusta

Alliaria: raccogli, cucina e gusta

Annalisa Mercurio 1000 Alimentazione

Dal campo alla tavola: l'aroma inconfondibile di un'erba spontanea primaverile in una sfiziosa ricetta 

Il tempo della raccolta sta tornando e la primavera è un periodo propizio per conoscere le piante e vedere quanta abbondanza la natura ci offre ed ecco un'erba dall'aroma inconfondibile, “l'Alliaria Petiolata” .

Alliaria a tavolaL'alliaria cresce ai margini dei boschi, lungo i sentieri e i fossati, predilige zone umide e la mezz'ombra.

Il fusto è cilindrico ed eretto, le foglie dotate di picciolo sono cuoriformi-dentate e produce piccoli fiori bianchi che daranno origine a semi il cui sapore ricorda quello della senape.
Il nome del genere trae origine dal caratteristico odore agliaceo che emanano le foglie se stropicciate e questo la rende inconfondibile anche se un occhio inesperto potrebbe confonderla con l'ortica.

Assaggiando le foglie il primo sapore che arriva è l'aglio ma subito dopo l'amarognolo e successivamente il sapore del cavolo essendo della famiglia delle crucifere.
Nella medicina popolare si utilizzava come disinfettante delle vie aeree e urinarie e l'intera pianta fresca per fare i pediluvi in caso di geloni allo scopo di stimolare la circolazione locale oppure nella detersione di piaghe e ferite, dato le sue proprietà antisettiche.

La raccolta è preferibile in primavera, in quanto in autunno tende ad essere più dura e più amara ciò non toglie che si possano provare le differenze!

Allo stadio iniziale si raccoglie l'intera pianta successivamente solo le foglie in quanto lo stelo tende ad indurire e poi le cimette che ricordano i broccolini.
Le giovani foglie sono gradevoli in insalata oppure nella preparazione di gradevoli pesti e salsine da condimento, anche aggiunta alle zuppe ma in questo caso l'aroma sparisce.
Essendo della famiglia delle Crucifere è ben gradita alle persone che non tollerano l'aglio.

Gnocchi al Pesto di Alliaria, una ricetta primaverile

La ricetta proposta è gnocchi al pesto di Alliaria un piatto classico della nostra cucina ma rivisto in chiave primaverile.

Gnocchi per 4 persone
1 kg.di patate
200 g farina di ceci
100 g farina 1 o 2
sale q.b.

Pesto
3/4 manciate di foglie di Alliaria
30 g di mandorle
4 pomodori secchi
1 dl circa di latte di riso
shoyu
olio

Lessare le patate con la buccia, pelarle, schiacciarle e farle raffreddare successivamente impastare con le due farine e salare. Preparare gli gnocchi come d'uso.
Per il pesto, pulire l'Alliaria e mettere tutti gli ingrediente nel mixer o pestare con il mortaio. Cuocere i gnocchetti, condire e servire in tavola con qualche fiorellino!

Il presente sito web utilizza i cookies per aiutare a migliorare i servizi e le informazioni ai suoi lettori.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti ad utilizzare i cookie.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Policy.