fbpx
You are here:Home>Medicina Naturale>Fitoterapia>Insonnia: rimedi naturali efficaci
Kinesiologia, iniziamo a conoscerla da vicino

Kinesiologia, iniziamo a conoscerla da vicino

Introduzione alla kinesiologia applicata, colonna della medicina complementare, caposaldo per il conseguimento di un vero benessere olistico

Circa 50 anni fa, un chiropratico americano, il dottor G. Goodheart , scoprì che molti stati di sofferenza muscolare non erano causati primariamente da contratture, ma da uno stato di debolezza reversibile.

In effetti, egli si accorse che in molte disfunzioni strutturali non erano presenti, come ci si sarebbe dovuto aspettare, muscoli contratti né, tantomeno, altri segni di danno neurologico, muscolare o osteo-articolare che potessero giustificare lo squilibrio o la patologia insorta.

In questi casi però, egli si rese conto che quasi sempre erano presenti almeno uno o più muscoli che apparivano meno efficienti e tonici degli altri e che, se opportunamente stimolati o trattati, potevano anche essere rinforzati.

Goodheart definì questi muscoli "deboli" (o ipotonici) differenziandoli nettamente da quelli normali che lui chiamò " forti " (o normotonici).

kinesiologia 2Inizialmente Goodheart ipotizzò che queste disfunzioni muscolari fossero da considerarsi malfunzionamenti di natura puramente meccanica, ma ben presto fu chiaro che molti altri fattori potevano influenzare il coordinamento muscolare quali: squilibri metabolici ed alterazioni psicologico-emozionali. Era nata la kinesiologia applicata!

Da allora la disciplina si è evoluta notevolmente tant'è che oggi questa tecnica manifesta una diffusione praticamente mondiale.
Oggi la kinesiologia applicata è una pratica clinica che trova naturale applicazione nella prevenzione e nella cura di moltissime patologie.

Essa, può essere considerata una tra le più importanti discipline del vasto panorama delle medicine complementari che ha il merito di affrontare le problematiche in maniera olistica permettendo di risalire rapidamente ed efficacemente alle cause.

I metodi della kinesiologia applicata sono molteplici anche se lo strumento principale è sicuramente il test muscolare di precisione. Un test finalizzato non tanto a valutare l'efficienza muscolare, quanto le capacità del sistema nervoso centrale e periferico di regolare e coordinare la contrazione volontaria dei muscoli scheletrici.

Ciò rende il test kinesiologico una vera e propria prova di funzionalità neurofisiologica. Grazie alla kinesiologia applicata l'operatore sanitario esperto è in grado di individuare con grande precisione le cause che scatenano molte patologie e disturbi, le terapie più adatte al recupero e di verificare, nel tempo, l'effettiva efficacia della cura.

Le applicazioni della kinesiologia applicata sono molteplici e diversificate. All'origine la disciplina nasce come tecnica di affinamento e perfezionamento dei metodi di diagnosi e terapia delle problematiche strutturali. In questo caso le applicazioni sono notevolissime e permettono di individuare e risolvere molti disturbi quali:

  • sublussazioni e fissazioni vertebrali;
  • lesioni craniali e alterazioni delle tensioni meningee;
  • problemi di masticazione e malocclusione;
  • alterazioni funzionali dei propriocettori;
  • sindromi dolorose indefinite;
  • alterazioni posturali, ecc...

Nel tempo, approfondendo gli studi e le sperimentazioni, è stato possibile estendere questa tecnica anche alla componente biochimica e alla sfera psicologico emozionale, tant'è che oggi le maggiori applicazioni di questa disciplina riguardano proprio questo tipo di alterazioni.


In particolare, in ambito biochimico la kinesiologia applicata trova importanti applicazioni nel descrivere e risolvere molti squilibri e malattie organiche quali:

malfunzionamenti dell'apparato digerente (disbiosi, intolleranze, parassitosi, difficoltà di digestione, stipsi, ecc.);
alterazioni dell'asse ipotalamo-ipofisario endocrino;
disturbi a carico dell'apparato riproduttore femminile (es.: alterazioni del ciclo ), infezioni ricorrenti, ecc.

Non meno importanti sono le potenzialità della kinesiologia applicata nell'affrontare situazioni di disagio psicologico-emotivo, attraverso l'individuazione delle cause scatenanti e delle terapie di recupero più adatte.

Infine, grazie alla peculiarità e potenzialità della disciplina, la kiniesologia applicata costituisce un valido strumento per individuare e risolvere disturbi organici o strutturali su base psicosomatica.

Il presente sito web utilizza i cookies per aiutare a migliorare i servizi e le informazioni ai suoi lettori.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti ad utilizzare i cookie.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Policy.