You are here:Home>Medicina Naturale>Pediatria>Anti Vax o Primum non nocere ?

Anti Vax o Primum non nocere ?

Quelli che vengono definiti no vax, sono davvero contro i vaccini?

Il decreto per l’obbligatorietà di 12 vaccini per i bambini da 0 a 16 anni, varato dal governo lo scorso 19 maggio, prevedendo gravi sanzioni per i genitori inadempienti (dalla multa fino alla perdita della potestà genitoriale), ha scatenato dubbi e dissensi nei genitori ed anche in medici e ricercatori.

Immediate le ammonizioni e, addirittura, la radiazione dall'ordine di due medici “no vax”. 

Tale definizione è impropria perché questi medici non si sono dichiarati contrari alle vaccinazioni in sé, ma hanno sollevato legittime perplessità circa l'indiscriminata vaccinazione di massa e su alcuni punti critici particolari.

Le perplessità argomentate, secondo scienza e coscienza, dovrebbero essere uno stimolo ad approfondire ricerca e verifiche al fine di ottimizzare la tutela della salute dei nostri bambini.

Non dimentichiamo che l'obbligo morale di un medico è “Primum non nocere”.

Prima di proseguire con l'attuazione frettolosa di questo decreto, è auspicabile un serio confronto in ambito scientifico, al di là di ogni altro interesse che non sia quello del diritto alla Salute.

Al giorno d'oggi inoltre, anche i sospetti di comuni cittadini, sfiduciati dalle istituzioni, sono legittimi. Dovrebbe esserci il diritto di essere informati, non obbligati. Abbiamo il diritto di conoscere e pretendere chiarezza.

Non si tratta di essere favorevoli o contrari, ma uniti per amore dei nostri figli.

Per dovere di informazione in merito a questa delicata tematica abbiamo scelto di postare l'intervista di David Gramiccioli al professor Giuseppe Genovesi, specialista in endocrinologia, psichiatria e immunologia.

Il presente sito web utilizza i cookies per aiutare a migliorare i servizi e le informazioni ai suoi lettori.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti ad utilizzare i cookie.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Policy.