You are here:Home>Medicina Naturale>Pediatria>Nutri l'intelligenza del tuo bambino

Nutri l'intelligenza del tuo bambino

Luigi Gallo 1212 Video Pediatria

Cibi non sani potrebbero compromettere le facoltà cognitive dei nostri ragazzi, così come una diagnosi psicologica errata.

È svogliato, poco attento, si distrae facilmente, oppure il classico ritornello “è un bambino intelligente, ma non si applica”. Capita talvolta di sentire a scuola frasi simili riferite ai nostri ragazzi. Di fronte a queste sentenze, ci sentiamo spesso impreparati a trovare soluzioni adeguate per i nostri figli che vadano oltre lo spronarli a impegnarsi di più promettendo allettanti ricompense o viceversa sacrosante punizioni. Presi dallo sconforto dimentichiamo che la voglia di apprendere nasce dal piacere della relazione, che imparare è innanzitutto un coinvolgimento emotivo basato su sentimenti ed esperienze. Ogni valido percorso educativo deve partire da questa fondamentale consapevolezza così come dalla coscienza che corpo e mente non sono separati e che i fattori ambientali e fisiologici possono incidere in modo significativo sull’umore e le abilità cognitive.

Vi sono anche alunni che incontrano difficoltà a causa del loro maggiore acume. Si stima che circa l’8% degli scolari possieda un quoziente intellettivo al di sopra della media. Appaiono talora irrequieti, si annoiano in classe o sembrano distratti – aspetti che possono essere scambiati con qualche disturbo o patologia, come l’ADHD (sindrome da deficit di attenzione e iperattività) – e in certi casi vengono costretti addirittura ad assumere psicofarmaci, con il risultato di soffocarne i talenti e render loro problematiche vita e relazioni.

Alcuni studi in campo biologico-nutrizionale di questi ultimi anni hanno evidenziato come determinati alimenti possono condizionare, in senso positivo o negativo, le funzioni intellettive e la capacità di apprendimento. Ciò si riflette di conseguenza, nel caso di bambini e ragazzi, anche sul loro rendimento scolastico. Nel 2011 ricercatori inglesi confrontarono le abitudini alimentari di migliaia di famiglie e scoprirono una differenza di ben 5 punti nel QI a favore dei bambini che consumavano pasti sani e preparati in casa rispetto a quelli che si alimentavano con cibi industriali preconfezionati1. Il gap cognitivo fu evidenziato a parità di altre variabili importanti, di cui gli scienziati tennero accuratamente conto, come l’ambiente domestico e il livello socio-culturale dei genitori.

Sotto accusa sono soprattutto quegli alimenti, definiti in nutrizione anche “calorie vuote”, ricchi di grassi idrogenati e zuccheri, ma carenti di principi nutritivi: vitamine, minerali, aminoacidi e fibre. Spesso si tratta di prodotti, commercializzati da grosse multinazionali e promossi attraverso le catene dei fast food, come merendine, bibite, snack, caramelle che contengono vari tipi di additivi, coloranti, conservanti e dolcificanti. Poiché lo sviluppo cerebrale è molto veloce in età infantile, alcuni deficit causati da un’alimentazione inadeguata in età precoce potrebbero essere difficilmente recuperabili nelle successive fasi della crescita e tendere a cronicizzarsi. Mancando sufficienti quantità di vitamine, aminoacidi e altri nutrienti essenziali, il cervello non riuscirebbe, secondo gli scienziati, a raggiungere lo stadio di sviluppo ottimale.

Uno studio condotto dall’UCLA (Università della California) ha mostrato come il consumo di alte quantità di dolcificanti, utilizzati nell’industria alimentare per preparare bibite, succhi e altri alimenti per l’infanzia, possa interferire con l’attività sinaptica e compromettere le facoltà cerebrali2. Dalla sperimentazione è emerso che i bambini che assumevano frequentemente cibi confezionati, ricchi di zuccheri, pensavano in modo meno chiaro e avevano maggiori difficoltà ad apprendere, risolvere problemi e memorizzare le informazioni. 

È importante perciò, per proteggere l’intelligenza dei nostri bambini, evitare il più possibile l’uso di alimenti non sani e in ogni caso limitarne i danni introducendo nella dieta cibi ricchi di principi nutritivi che sostengono il sistema neurologico e il cervello, come ad esempio le microalghe selvatiche e gli omega-3, acidi grassi presenti soprattutto nel pesce e nei semi oleaginosi. Speciali formulazioni a base di estratti algali che concentrano un ampio spettro di micronutrienti e derivati naturali degli omega-3 (DHA) immediatamente biodisponibili possono integrare utilmente i pasti dei nostri ragazzi fornendo loro un adeguato supporto nutrizionale.

1. K. Northstone, C. Joinson, P. Emmett, A. Ness, T. Paus Are dietary patterns in childhood associated with IQ at 8 years of age? A population-based cohort study. Journal of Epidemiology & Community Health 2011 February School of Social and Community Medicine, University of Bristol, Bristol, UK.
2. Agrawal R, Gomez-Pinilla F. ’Metabolic syndrome’ in the brain: deficiency in omega-3 fatty acid exacerbates dysfunctions in insulin receptor signalling and cognition. J Physiol (Lond). 2012;590 (Pt 10):2485-99.

Luigi Gallo

Il presente sito web utilizza i cookies per aiutare a migliorare i servizi e le informazioni ai suoi lettori.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti ad utilizzare i cookie.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Policy.