You are here:Home>Medicina Naturale>Pediatria>Osteopatia per bambini

Osteopatia per bambini

Perchè rivolgersi ad un osteopata già dai primi anni di vita

L’osteopatia è una medicina complementare con approccio naturale, priva di effetti collaterali e controindicazioni, che si avvale di tecniche molto delicate particolarmente indicate nel trattamento e nella prevenzione di molti disturbi che possono interessare i neonati e i bambini.

Si occupa principalmente di problematiche a carico dell’apparato muscolo-scheletrico a cui possono, però, associarsi delle alterazioni funzionali di organi e visceri ad esso collegati e del sistema cranio-sacrale.

Osteopatia pediatrica: cosa cura

L’osteopatia ha un potenziale enorme nella cura dei piccoli poiché non solo può risolvere numerosi disturbi che si possono manifestare già fin dai primi giorni di vita, ma soprattutto può risolvere delle situazioni che possono nel tempo creare delle problematiche funzionali o posturali.

Durante il parto naturale, sia nella fase del travaglio che nella fase di espulsione, il neonato viene sottoposto ad enormi forze di compressione legate alle contrazioni uterine e alla discesa lungo il canale vaginale.

Il cranio del neonato ha una notevole capacità di assorbire questi stress e nei primi giorni di vita extrauterina, con il primo vagito, la suzione e i pianti avviene una fisiologica riarmonizzazione delle ossa craniche. Tuttavia, se il parto è stato particolarmente lungo o difficoltoso, questa capacità di autoregolazione può non essere sufficiente a ristabilire un giusto equilibrio con conseguente comparsa di tensioni tissutali e rigidità soprattutto a livello della zona sacrale e cranio-cervicale.

Queste disfunzioni sono poi responsabili dell’insorgenza di una serie di fastidiosi disturbi che possono rendere il neonato particolarmente irritabile e ostacolarne il corretto e armonioso sviluppo.

Anche in caso di taglio cesareo il neonato può andare incontro a problematiche poiché il suo corpicino subisce un repentino cambio di pressione passando dall’ambiente intra a quello extra uterino.

Quindi in ogni caso è consigliabile effettuare un controllo dall’osteopata nel primo mese di vita.

L’osteopatia è indicata ad accompagnare il bambino durante la crescita e lo sviluppo, non solo in presenza di disturbi conclamati, ma anche per favorire la ripresa in seguito a traumi e malattie e per preservare lo stato di salute e benessere stimolando l’innata capacità di auto guarigione del corpo.

QUALI DISURBI TRATTA L’OSTEOPATIA NEI NEONATI

  • Problematiche dell’apparato digerente: coliche infantili, rigurgito, reflusso gastro-esofageo, stipsi.
    Le tensioni anomale della zona sub occipitale possono creare un’irritazione a livello del nervo vago che dalla base del cranio scende fino allo stomaco con conseguenze sulla digestione. Anche un’alterazione del muscolo diaframma e la compressione dell’area sacrale possono indurre disturbi a livello gastro-intestinale.

  • Difficoltà di suzione: la rigidità alla base del cranio può indurre un’irritazione dei nervi che innervano la lingua e la gola.

  • Alterazione e asimmetria della forma della testa (Plagiocefalia): può essere presente già alla nascita in conseguenza di un parto difficoltoso, oppure comparire nei mesi successivi in relazione alla posizione tenuta dal neonato durante il sonno.

  • Torcicollo miogeno e atteggiamenti posturali viziati di capo e collo.

  • Disturbi del sonno, irritabilità e pianto eccessivo
    La presenza di una disfunzione della zona cervico-occipitale può indurre il neonato a cercare una posizione di confort del capo in rotazione o inclinazione, arrecandogli una sensazione di fastidio soprattutto nella posizione sdraiata e provocando risvegli frequenti.

QUALI DISTURBI TRATTA L’OSTEOPATIA NEI BAMBINI

  • Infezioni ricorrenti: otite media, riniti, bronchiti

  • Strabismo

  • Problematiche occlusali dentali
    Queste tre tipologie di disturbi sono dovuti a tensioni eccessive a livello delle ossa che compongono la faccia e ad alterazioni delle membrane che concorrono a formare l’apparato visivo, l’apparato stomatognatico e le vie aeree superiori.

  • Problematiche posturali: scoliosi, ipercifosi.

  • Paramorfismi dell’arto inferiore: ginocchia vare e valge, anomalie dell’arco plantare (piede piatto o cavo).
    Alterazioni a carico della colonna e del sacro possono durante la crescita evolvere in problematiche posturali della colonna e disequilibri dell’arto inferiore.

  • Cefalee: sono un disturbo molto frequente e complesso poiché possono dipendere da numerose cause, spesso coesistono una serie di alterazioni a livello delle membrane intracraniche, riduzione di mobilità e contratture muscolari della zona cranio-cervicale.

  • Ritardo dello sviluppo psicomotorio

  • Disturbi comportamentali e difficoltà nell’apprendimento
    La presenza di alcune disfunzioni dell’apparato muscolo-scheletrico e delle ossa craniche possono indurre un rallentamento del processo di coordinazione motoria e di coordinazione oculo-manuale, indispensabili per il corretto sviluppo neurologico del bambino.

L’importanza di un lavoro in equipe

È importante nel trattamento di molti di questi disturbi una stretta collaborazione tra l’osteopata ed altre figure professionali come il pediatra, il dentista, l’ortodonzista, il fisioterapista, il logopedista e l’ortottista al fine di ottenere i migliori risultati possibili.

IN COSA CONSISTE IL TRATTAMENTO OSTEOPATICO

Dopo un’attenta e accurata raccolta di informazioni circa l’andamento della gravidanza, il parto e la situazione attuale, l’osteopata procede alla palpazione del corpo del piccolo paziente con particolare attenzione alla valutazione dell’area sacrale e cranica alla ricerca di eventuali tensioni anomale.

In presenza di disfunzioni, attraverso manovre molto dolci (la forza utilizzata è inferiore ai 3 grammi), l’osteopata ristabilirà il corretto equilibrio delle varie parti.

Durante la seduta non è necessario spogliare il bambino e, in caso non si trovasse a suo agio sul lettino, è possibile effettuare il trattamento mentre riposa tranquillamente tra le confortevoli braccia della sua mamma.

Il numero e la frequenza delle sedute naturalmente è variabile ed è in relazione alla situazione, sempre nel rispetto delle esigenze di ogni bambino.

Il presente sito web utilizza i cookies per aiutare a migliorare i servizi e le informazioni ai suoi lettori.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti ad utilizzare i cookie.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Policy.