fbpx
You are here:Home>Benessere>Alimentazione>Salsa Satay
Il dolore come segnale di allarme di un malessere da identificare

Il dolore come segnale di allarme di un malessere da identificare

Cos'è il “dolore emotivo” nel bambino

Il dolore è un "alert". È l’espressione di un linguaggio millenario che ci chiede di essere in uno stato di attenzione, perché c’è qualcosa che ci mette in pericolo. Quando proviamo dolore il nostro organismo è coinvolto nella sua interezza, e dedica grande energia al tenere sotto controllo la condizione di allert, distraendoci da altre attività. Il dolore può essere anche una condizione psichica o bio-psichica, influendo sulla nostra resa nella vita tutti i giorni. E quando parliamo di bambini, il tema diventa ancora più “delicato”.

«Dobbiamo riflettere sull’importanza del benessere psichico -dice Daniela Lucangeli, professore Ordinario di Psicologia dello Sviluppo all’Università di Padova- come condizione indispensabile per il nostro organismo. Pensiamo al caso di un bambino che va a scuola con un “dolore emotivo”, perché ha paura di lasciare qualcosa del suo rapporto privilegiato con mamma e papà. In quel caso moltissima della sua energia bio-psichica sarà dedicata a tenere sotto controllo il “meccanismo del dolore” e non sarà libero di accogliere le informazioni che il sistema educativo e la scuola vogliono dare. Quando c’è una condizione di allert abbiamo meno risorse a disposizione».

Quindi, il dolore inteso in termini di allarme che il nostro organismo genera, è un fattore che, in modo palese o sottotraccia, ha una influenza da non sottovalutare mai?
«Il dolore è una informazione che mette in azione tutto l’organismo vivente. L’intero corpo avverte questa sensazione di pericolo e si concentra nel tenere sotto controllo lo stimolo, distogliendo energie da altro. Un dolore a un dente, come tutti sappiamo, non è limitato al dente, ma coinvolge il tutto. Quindi, dovremmo sempre cercare di capire da dove proviene l’alert che ci coinvolge».

Lei ha fatto l’esempio del bambino che va a scuola e prova un “dolore emotivo”. Il sistema scolastico è sempre pronto a tenere in considerazione il disagio che il bambino può provare?
«Parlando del nostro sistema educativo -sottolinea la professoressa Daniela Lucangeli- non chiedo una scuola facile e sdolcinata, ma una scuola che sappia qual è la differenza fra “ben-essere” e “mal-essere” e si comporti di conseguenza».

Il presente sito web utilizza i cookies per aiutare a migliorare i servizi e le informazioni ai suoi lettori.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti ad utilizzare i cookie.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Policy.