fbpx
You are here:Home>Benessere>Psicologia e Spiritualità>«Unire l’antica saggezza ancestrale con le nuove conoscenze scientifiche»
«Unire l’antica saggezza ancestrale con le nuove conoscenze scientifiche»

«Unire l’antica saggezza ancestrale con le nuove conoscenze scientifiche»

Dalla sciamana Abuela Qocha Tika un appello al rispetto della natura e alla pace fra i popoli

La chiamano la “curandera”, viene dalla comunità Quechua Flor Del Lago, in Perù, ed è arrivata a Urbino per i due giorni del Biosalus, il Festival del Biologico e del Benessere Olistico. Stiamo parlando di Abuela Qocha Tika, la “donna medicina”. C’era grande attesa per la sua conferenza della prima giornata, sul tema “La Medicina e il Potere dell’energia femminile nella nuova era Dorada”, e altrettanto interesse per la cerimonia di purificazione in programma nella giornata conclusiva della manifestazione. La sciamana è stata portatrice di un messaggio di pace e di rispetto per l’ambiente.

«Noi tutti - ha detto Abuela Qocha Tika- dobbiamo riscoprire i grandi insegnamenti ancestrali, tornare a dare grande valore alla Madre Terra e a connetterci profondamente con essa. La Terra ci nutre, ci dà la vita. Senza di lei non potremmo esistere, e per questo la dobbiamo ringraziare. Dalla terra arrivano tutte le piante che ci possono curare. Dobbiamo quindi rispettare la natura».

La “curandera” ha lanciato un appello dal valore universale: «L’umanità deve creare un’unione forte. Dobbiamo connetterci come fratelli. La città di Urbino ed eventi come Biosalus permettono di riflettere su temi che riguardano l’uomo, senza distinzione fra paesi e continenti, fra America Latina ed Europa. E’ importante riuscire a unire l’antica saggezza ancestrale con le nuove conoscenze che arrivano dalla scienza».

 

 

Il presente sito web utilizza i cookies per aiutare a migliorare i servizi e le informazioni ai suoi lettori.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti ad utilizzare i cookie.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Policy.